Vinitaly 2018, non poteva mancare il Pisco

La 52^ edizione del Vinitaly ha chiuso con 128 mila visitatori da 143 nazioni. Quest’anno il perù ha partecipato con i suoi eccezionali Pisco, tra cui il Pisco Tres Generaciones che ha incantato tutti nella Masterclass tenuta dalla Sommelier e giornalista Soledad Marroquin.

Infatti anche il Perù, grazie agli investimenti del Governo sudamericano assieme alle cantine più importanti, è stato presente al Vinitaly con un suo stand dedicato al Pisco.

Divenuto patrimonio culturale del Perù, il Pisco è un’acquavite ottenuta dalla distillazione del mosto d’uva fermentato. Realizzato secondo i metodi tradizionali, per la sua realizzazione si controllano i requisiti organolettici e si selezionano solo alcune varietà di uva denominata Pisquera, che proviene da zone strategiche di produzione, riconosciute dal marchio d’origine: aree enologiche delle valli intorno a Lima e costa sud, nelle regioni di Ica, Arequipa, Moquegua e Tacna.

Tesoro e tradizione culturale del Perù, prodotto da oltre quattrocento anni, il Pisco – il cui nome deriva da una città e da un porto omonimo situato a circa 200 chilometri a sud di Lima – è un distillato unico al mondo per la sua purezza e la sua fragranza. Gli intenditori amano berlo puro anche se è eccezionale nella miscelazione per la preparazione di ottimi cocktail, tra questi spicca il Pisco Sour, noto per la sua bontà, originalità e unicità, tanto da essere considerato dall’International Bartender Association, il ‘cocktail della nuova era’.

Di seguito qualche immagine che racconta la Masterclass più di tante parole.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *